AGENZIA DI INVESTIGAZIONI
DA OLTRE 50 ANNI

  • agenzia investigativa

Collaborazioni contro lo stalking

O.N.S. Osservatorio Nazionale Stalking
Centro di Ascolto e Orientamento (CAO)

Per informazioni:
Tel. 0321 628600
Email: info@europolnovara.com

Per molestie e persecuzioni in famiglia, nella coppia, sul posto di lavoro e a scuola. Mobbing, Stalking e Bullismo.

Dr. Caliò Mario Filippo, Criminologo.
Dr. Canelli Alessandro, Direttore Europol Investigazioni
Dr. Ceci Alessandro, Psicologo Clinico
Avv. Invernizzi Lara, Avvocato, Consulente.

Pubblicazioni del Detective sul tema

Stalking & Stalkers (di M.F. Caliò)

Stalking & Stalkers (di M.F. Caliò)

Liberistampautori, Novara 2007
Da una ricerca sulle Molestie Insistenti in ambito internazionale e da una indagine privata per mezzo di detective per l’identificazione e l’arresto di un anonimo molestatore (Stalker) agente a mezzo di lettere anonime e l’invio di materiale pornografico.

Può essere ordinato direttamente all'Europol S.n.c. oppure alla Casa Editrice Liberistampautori - info@europolnovara.com

 

Definizione di Stalking

Lo stalking definisce un campionario comportamentale che include telefonate e lettere anonime, pedinamenti e appostamenti, minacce e aggressioni, intrusioni continue nella vita privata e lavorativa. Tali comportamenti assumono carattere continuativo. In definitiva identifica una sistematica violazione della libertà personale (Massimo Lattanzi, Gaia Oddi 2001).

Il vissuto comune
Le vittime delle persecuzioni sono, spesso, consapevoli di avere una liberta’ personale limitata e per questo vivono nell’impossibilita’ di autodeterminarsi.

Il fenomeno
I soggetti più a rischio sono le donne. Anche per il persecutore non esiste un profilo prestabilito; potrebbe essere qualcuno che conosciamo bene, un conoscente occasionale o un totale sconosciuto; nella maggior parte dei casi sono gli ex partner.

Motivazioni
Sono molteplici e in minima percentuale hanno un rapporto con psicopatologie gravi. Alcune molestie sfumano in comportamenti socialmente accettati, quali ad esempio i tentativi di ristabilire una relazione interrotta o di iniziarne una, oppure manifestazioni di gelosia. Altri sono comportamenti vendicativi o rivendicativi di torti subiti o solo percepiti, di dipendenza o di perdita di controllo sulla vittima.
I comportamenti agiti spesso generano, per la persistenza e la frequenza, esiti psicologici e insicurezze relazionali sulle vittime.

Il "fraintendimento" iniziale e la relazione imposta dal molestatore
La genesi della dinamica dello Stalking risiederebbe in una alterata lettura della relazione e in un distorta comunicazione messa in atto dal persecutore. Nella relazione è alterato il significato e l’intensità dei comportamenti agiti; nella comunicazione la distorsione si fonda, a titolo esemplificativo, nella lettura delle risposte della persona perseguitata come assenso (O.N.S. 2002).

Analisi differenziale
A differenza di altre molestie, le persecuzioni per essere definite “Stalking” devono proseguire per un periodo minimo di 4 settimane e replicate per un numero minimo di dieci manifestazioni. I comportamenti si distinguono in indiretti (telefonate, appostamenti..) e diretti (vicinanza fisica in pubblico).
I comportamenti devono essere consapevoli, intenzionali e ripetuti. Il persecutore mette in atto una serie di azioni dirette ad una specifica persona, senza uno scopo legittimo e che allarmano, molestano o suscitano in una persona paura o disagio emotivo (O.N.S. 2002).


a cura dell’equipe multidisciplinare O.N.S.
lattanzi@stalking.it
Visita il sito: www.stalking.it